La stampante green di Yuichiro, per far tornare le lucciole

La stampante green di Yuichiro, per far tornare le lucciole

Il giapponese Yuichiro Takeuchi, ideatore del progetto Printable Gardens, ha ideato una stampante green per creare colorati e fantasiosi giardini che faranno ritornare le lucciole anche nelle metropoli.
Le possibilità delle stampanti 3D stanno diventando davvero infinite. Più la tecnologia affina questa nuova modalità di stampa, e più si scoprono utilizzazioni inizialmente insospettabili.

In realtà la stampa tridimensionale non serve a fotografare la realtà, a fermarla, a darle visibilità; serve a crearla, che è una cosa completamente diversa. Il passaggio dal bidimensionale al tridimensionale mette in luce questa differenza di sostanza: non stampiamo qualcosa per averne memoria, bensì per creare qualcosa.

E’ questo il caso della stampante green creata dall’informatico giapponese Yuichiro Takeuchi. Com’è noto, la sensibilità degli abitanti del Sol Levante per la cura, anche estetica, di piante e giardini, è pressoché totale. Allora Yuichiro ha pensato a qualcosa che dal nulla, utilizzando una stampante 3D, desse forma e sostanza a piccolissimi giardini dalle forme più svariate e fantasiose, pieni di erbe e fiori.

Sembra una cosa quasi fantascientifica, quasi irrealizzabile, eppure è proprio così. I microgiardini che affollano il progetto Printable Gardens di Yuichiro possono essere piantati in ogni dove, in ogni ambiente, perfino su terrazze, tetti o pareti. Massimo sfogo alla fantasia, quindi. La stampante green utilizza, in luogo della plastica, uno speciale filo molto sottile che contiene sia i semi delle piante, che le apposite sostanze nutritive necessarie per la loro crescita. Takeuchi si è davvero sbizzarrito, creando minuscoli giardini perfino a forma di panda.

La stampante verde giapponese, insieme con l’intera tecnica, è stata recentemente presentata al Moma di New York durante l’evento Sony CSL. Per ora l’informatico giapponese è stato in grado di stampare solo giardini di minuscole dimensioni, tuttavia in futuro Takeuchi ha intenzione di implementare la tecnica al punto di veder stampare giardini di maggiori dimensioni che contengano alberi, verdura e frutta. Un salto quantitativo, e qualitativo, non da poco.

Ma Yuichiro ha anche un sogno: veder stampati a Tokyo tanti di quei giardini fino al punto di veder apparire nella metropoli le lucciole, quelle meravigliose, piccole creature che nell’immaginario collettivo giapponese rivestono una grandissima importanza. E forse non solo in Giappone.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *